Sono stati poco più di 22mila i visitatori che tra sabato 9 e domenica 10 aprile hanno varcato i cancelli del Deposito Officina Rotabili Storici di Pistoia.

E’ stato senza dubbio un week end di grande festa quello che sabato 9 e domenica 10 Aprile ha coinvolto tantissimi turisti e appassionati dei treni provenienti da tutta Italia e dall’estero, arrivati a Pistoia, la città “capitale dei treni”, per visitare e quindi conoscere meglio l’antico hub manutentivo dedicato alle locomotive a vapore, oggi ottimamente gestito dalla Fondazione FS Italiane

L’Open Day, a cui hanno partecipato ben 22.000 persone è stato simbolicamente inaugurato sabato mattina con un treno storico trainato da una locomotiva a vapore, che ha effettuato una corsa speciale dalla stazione di Firenze Santa Maria Novella al DORS di Pistoia con a bordo rappresentanti delle istituzioni, autorità del territorio, addetti ai lavori e studenti.

Presenti ad accogliere i tanti visitatori il Direttore Generale della Fondazione FS, l’Ingegner Luigi Cantamessa, il Sottosegretario ai Rapporti con il Parlamento Sen. Caterina Bini, il Presidente della Regione Toscana Eugenio Giani ed il sindaco di Pistoia Alessandro Tomasi.

Durante la due giorni pistoiesi grandi protagonisti il personale di Fondazione FS che ha dato vita ad apprezzati show di locomotive a vapore “girate” sull’ apposita piattaforma presente in deposito e i volontari dell’Associazione Toscana Treni Storici Italvapore – convenzionata con Fondazione FS – che hanno effettuato visite guidate all’interno delle Officine.

Molto apprezzati anche gli stand dei Gruppi Fermodellistici, le collezioni di cimeli ferroviari e soprattutto il cantiere operativo dell’Officina Caldaie. Successo incredibile – tanto da andare sold out in pochissimo tempo – anche per le brevi corse effettuate con treno a vapore sulla Porrettana, tra le stazioni di Pistoia, Valdibrana e Piteccio e per lo stand di Porrettana Express, il progetto che tramite l’organizzazione di viaggi tematici su treni storici lungo la ferrovia Porrettana tra Pistoia e Porretta Terme, si propone di rilanciare e promuovere la storica linea ferrata transappenninica e il territorio che la circonda. Veramente tanti visitatori hanno chiesto informazioni sul programma dei viaggi 2022 che è attualmente allo studio e che una volta definito sarà pubblicato proprio su questo sito, dove, lo ricordiamo a chi ci legge, si potranno acquistare i biglietti per i viaggi proposti.

Davvero un bell’evento sapientemente organizzato da Fondazione FS italiane che ha consentito ai partecipanti di andare alla scoperta di un luogo unico e affascinante, esempio perfetto di archeologia industriale vivente, dove ancora oggi si mantengono operativi treni storici composti da locomotive a vapore, elettriche, littorine, vagoni Corbellini, Centoporte e tante altre vecchie glorie che hanno fatto la storia delle FS.

Foto: Fondazione FS

Post Raccomandati