Grande successo, con viaggiatori provenienti un po’ da tutta Italia, per il primo treno 2021 di Porrettana Express, il progetto lanciato nel 2019 e ripartito domenica 11 luglio con un nuovo ciclo di viaggi dopo lo stop imposto dall’emergenza sanitaria legata al virus Covid-19.

Da luglio a ottobre quindi, tornano finalmente sette viaggi a bordo di vetture d’epoca sui treni storici di Porrettana Express: itinerari tematici sui binari della Transappenninica – una delle prime linee realizzate nel Paese a cavallo tra Toscane e Emilia Romagna – per conoscere non solo l’Appennino Tosco Emiliano, i suoi piccoli borghi, le antiche tradizioni e i luoghi che hanno fatto la storia d’Italia, ma anche la natura e le eccellenze dell’enogastronomia locale, con attività dedicate a tutta la famiglia.

Questo primo viaggio è iniziato con la visita guidata al Deposito Officina Rotabili Storici di Pistoia, dove tuttora si fa manutenzione a vetture di epoche diverse, ancora perfettamente funzionanti ed è proseguito con il viaggio in treno che ha portato i visitatori lungo la Transappenninica, tra piccoli paesi immersi nel verde, gallerie e viadotti di antica memoria, sostando a Valdibrana per la visita guidata alla rampa di lanciamento recentemente recuperata grazie all’intervento di Fondazione FS Italiane e con la possibilità, solo per questa volta, di due destinazioni diverse: Pracchia o Porretta Terme.

Chi è sceso a Pracchia ha potuto scoprire i poli dell’Ecomuseo della Montagna Pistoiese di Maresca e Pontepetri, mentre chi ha deciso di continuare verso Porretta Terme ha visitato il museo DEMM (dedicato all’industria metalmeccanica e casa motociclistica italiana attiva dal 1919 al 1988), il centro della cittadina termale e i tanti murales dedicati al Soul Festival.

Il prossimo viaggio, prima della sosta prevista nel mese di agosto e imposta dalla chiusura della tratta per importanti lavori di manutenzione sulla linea, è in programma domenica 25 luglio (San Iacopo, Patrono di Pistoia) e sarà dedicato a chi ama camminare.
Il treno arriverà a Piteccio da dove i viaggiatori, saranno suddivisi dagli organizzatori in gruppi, ed accompagnati da guide ambientali qualificate partiranno per raggiungere Castagno di Piteccio, percorrendo sentieri nel bosco incontrando gallerie, profondi camini e gli squarci di pietra che servivano da sfiato per il denso fumo delle locomotive. Per i partecipanti sono necessari mascherina di protezione, scarpe comode adatte al trekking, abbigliamento consono, una scorta d’acqua.

Un’ occasione unica per visitare alcune delle più importanti strutture della Transappenninica e passare al fresco e in maniera diversa la festività di San Iacopo.

Crediti fotografici: Lorenzo Marianeschi

I BIGLIETTI
Per acquistare il tuo biglietto clicca qui
Gli organizzatori apriranno via via le vendite dei vari viaggi, in modo da poter monitorare e quindi rispettare le normative in materia di prevenzione da COVID-19.

Post Raccomandati

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *